Escursioni sicure – Edizione invernale!

Condividilo su:

Winter-hike-cover-mobile

Escursioni sicure – Edizione invernale!

Condividilo su:

Disponibile anche in:

Pochi lo sanno, ma l’escursionismo è uno sport per tutte le stagioni! Anche durante l’inverno, l’ampia rete escursionistica Svizzera è in gran parte manutenuta per restare accessibile a tutti e, in particolare, agli amanti dei meravigliosi paesaggi alpini innevati. Tuttavia, il paesaggio invernale può anche esporre a rischi e pericoli. Richiede, quindi, la consueta accurata preparazione e pianificazione e qualche accortezza in più. Ecco allora qualche consiglio essenziale per una escursione invernale sicura e di successo!

Pochi lo sanno, ma l’escursionismo è uno sport per tutte le stagioni! L’ampia e ben tenuta rete escursionistica svizzera consente infatti di godere del meraviglioso paesaggio alpino non soltanto durante la bella stagione, ma anche nei mesi più freddi, quando uno spesso strato di neve copre il terreno e il paesaggio appare ancora più affascinante. Durante l’inverno, buona parte dei sentieri escursionistici viene regolarmente preparata e manutenuta per restare accessibile agli amanti delle camminate. Ai consueti sentieri escursionistici, inoltre, si aggiungono diversi percorsi per ciaspole che consentono di immergersi ancora più a fondo nel meraviglioso paesaggio innevato, dove la neve è più alta. Tuttavia, il paesaggio invernale e la neve alta possono esporre a rischi e pericoli. Alla consuenta attenzione e accurata preparazione, quindi, occorre affiancare qualche accortezza in più. Ecco quindi a voi qualche suggerimento, che vi aiuterà a godere della vostra escursione invernale in maniera sicura e piacevole!

Scegliere il miglior percorso invernale

Passeggiare all’aria aperta è uno sport per tutti purché si scelga con cura il percorso più adatto alle proprie capacità! Come durante l’estate, nella scelta del proprio itinerario, è essenziale restare consapevoli dei propri limiti fisici, e non affaticarsi troppo. Essere fisicamente in buona forma è ovviamente fondamentale, perché i sentieri innevati possono talvolta essere scivolosi e più faticosi rispetto all’equivalente percorso estivo. In Svizzera, i sentieri escursionistici invernali sono ben segnalati, preparati e accessibili a tutti. Lungo il percorso, che solitamente segue il normale sentiero estivo, la consueta segnaletica gialla è sostituita da cartelli rosa che spiccano sul paesaggio bianco. Per questi sentieri non è richiesto alcun particolare requisito, fatta eccezione per delle buone scarpe impermeabili e, all’occorrenza, accessori antiscivolo.
Durante l’inverno, ai consueti percorsi escursionistici si aggiungono molti sentieri dedicati specificamente agli amanti delle ciaspole. Questi percorsi consentono di immergersi più in profondità nel paesaggio invernale e sono generalmente segnalati da apposita segnaletica di color rosa, ma non sono preparati o battuti. Esistono inoltre tre diversi gradi di difficoltà, dal più basso al più alto, indicati in blu, rosso o nero sul pannello informativo posto nel punto di partenza. Per questo, è bene tenerne accuratamente conto nella scelta dell’itinerario. Per percorrere questi sentieri è ovviamente necessario indossare le ciaspole e disporre di bastoni da trekking per agevolare il passo e mantenere un buon equilibrio sulla neve alta.
Oltre a quelli suggeriti su questo blog, una ricca varietà di percorsi è disponibile a questo link.

Controllare il meteo e il rischio di valanghe!

Come durante l’estate, anche durante un’escursione invernale occorre tenere ben conto delle condizioni meteo. Il meteo in montagna, infatti, può cambiare molto velocemente e talvolta in maniera imprevedibile. Inoltre, è bene sapere in anticipo quale sarà la temperatura a destinazione, per prepararsi a dovere e vestirsi di conseguenza. Il sito e l’app di MeteoSwiss forniscono previsioni meteo precise ed affidabili su tutto il territorio svizzero, oltre a informazioni e regole di comportamento da seguire in caso di allerte e pericoli naturali.
In aggiunta, durante l’inverno è essenziale considerare con cura l’eventuale rischio di valanghe, masse di neve che si distaccano per lo più d’improvviso e che cadono a valle. Le valanghe costituiscono un importante rischio lungo tutto l’arco alpino e, per questo motivo, sono attentamente monitorate e il loro livello di rischio è facilmente consultabile tramite diversi siti e app (inclusi il sito e l’app MeteoSwiss). Tuttavia, per una maggiore sicurezza si consiglia di dotarsi di un apparecchio di ricerca di travolti in valanga* (ARVA) e di portare con sé una sonda da valanga e una pala da neve*. Questi strumenti richiedono una specifica preparazione per l’uso e, per quanto utili, non aiutano nella prevenzione del rischio, ma soltanto nella sua gestione. Perciò, la via migliore per non correre rischi resta come sempre quella di non mettere se stessi in pericolo ed evitare comportamenti che possono aumentare il rischio e, talvolta, essere la causa della valanga.

Cosa indossare per una escursione invernale

Fondamentale anche durante l’estate, la scelta del giusto abbigliamento è ancora più importante durante l’inverno. Come sempre, l’ideale è optare per un abbigliamento “a cipolla”, indossando quindi diversi strati che possono essere messi e tolti facilmente in base alla temperatura esterna e alle diverse fasi dell’escursione.
Consigliamo di partire dalla scelta dell’intimo*, che in quanto primo strato a contatto con la pelle ha un ruolo fondamentale nel regolare la temperatura corporea. Leggins e maglia a maniche lunghe o corte sono un must! Possono essere di lana o in tessuto sintetico. Noi suggeriamo di privilegiare i tessuti di lana o misto lana per i capi a contatto con la pelle. In commercio, si trovano ottimi prodotti di lana merinos, molto leggeri e confortevoli, capaci di tenere ben caldo senza mai far sudare, ed evitare allo stesso lo svilupparsi di cattivi odori. Il costo è sicuramente piu’ alto rispetto ai capi prodotti con altri filati ma ne vale la pena. Per gli strati piu’ esterni, vanno benissimo i tessuti sintetici, capaci di asciugarsi in fretta e di garantire una buona traspirazione allo stesso tempo. Inoltre, ricorda di indossare guanti e berretto, per tenere al caldo le estremità del corpo ed evitare il rischio di congelamento.
Come sempre nell’escursionismo, è bene non sottovalutare la scelta delle scarpe*, che devono essere ben profilate e impermeabili, in modo da proteggere i piedi dal freddo e dal bagnato. Una buona idea è anche indossare delle ghette* sopra le scarpe, per evitare che la neve vi scivoli all’interno.

Cosa portare con sé

La maggior parte delle cose che porteresti per una escursione estiva rimangono assolutamente essenziali anche per un’escursione invernale. Ecco qui una breve lista!
Crema solare e occhiali da sole: anche in inverno, il sole in montagna picchia parecchio e la neve può riflettere i raggi del sole, amplificando il rischio di scottature e danni alla pelle o agli occhi. Ecco perché nel tuo zaino non può assolutamente mancare una buona crema solare con alto fattore di protezione. Inoltre, non dimenticarti di proteggere le labbra con un burrocacao idratante con protezione anti UV. Questa estate, noi abbiamo comprato questo prodotto* e lo abbiamo trovato ottimo. Indossa sempre gli occhiali da sole per proteggere i tuoi occhi dal riverbero della luce solare.
Accessori antiscivolo per scarpe: in pochi li utilizzano, ma noi li troviamo molto utili soprattutto in tratti dove la neve è ghiacciata o lo strato di neve è basso e non fornisce il giusto supporto al piede. Si tratta di dispositivi in gomma e metallo che si applicano sulla suola della scarpa per aumentare il grip al suolo. A questo link* potete trovare una buona selezione di prodotti!
Bastoncini da trekking: non tutti li usano e durante le normali escursioni non sono sempre necessari. Risultano invece molto utili per una ciaspolata, aumentano la stabilità e diminuendo lo sforzo fisico. A questo link* potete trovare una buona selezione di prodotti!
Batteria d’emergenza: in montagna il cellulare è spesso l’unico mezzo di contatto con la civiltà e, contestualmente, l’unico strumento che può davvero contribuire a salvarci la vita in caso di pericolo. Quindi restare senza batteria non è per niente una buona idea! Ecco perché dovresti sempre portare con te una batteria d’emergenza. Ne puoi trovare di ottime su amazon* a buon prezzo! Ricorda però che il freddo intenso tende a diminuire fortemente la durata della carica delle batterie. Ti consigliamo quindi di tenere la batteria, così come il tuo cellulare, in una tasca al caldo e a contatto con il corpo.
Kit di primo soccorso: è un must di ogni escursione! Poter disinfettare e medicare una ferita aperta ti permetterà di proseguire l’escursione senza troppe preoccupazioni, così come poter prestare il primo soccorso ad una persona ferita o in difficoltà sarà certamente per lui un grande aiuto.
Su Bergzeit* ne troverai moltissimi, alcuni forse troppo essenziali. Noi vi consigliamo di scegliere un modello che contenga anche una piccola coperta termica, utile per tenere al caldo una persona in difficoltà fino all’arrivo dei mezzi di emergenza.

Mangiare e bere

Durante una camminata invernale, per via delle basse temperature e del maggiore sforzo fisico, si consumano davvero molte energie e si perdono molti liquidi. E’ quindi essenziale portare con sé cibo in abbondanza e bevande calde. Per le bevande calde, vi suggeriamo di comprare delle buone borracce termiche! Qui* trovate alcune proposte d’acquisto di buona qualità e a buon prezzo.
Per il pranzo, invece, noi amiamo portare sempre con noi questi fornelli portatili da raclette*! Funzionano con delle semplici teelights e sono perfetti per una escursione sulla neve, leggeri e facili da usare e da riporre dopo l’uso! Per recuperare le forze, inoltre, ti suggeriamo di acquistare degli snack proteici su questo shop online*.

Consigli per tutte le stagioni

A prescindere dalla stagione, alcune regole rimangono sempre valide per una escursione sicura e priva di rischi! Ecco una breve checklist:

Pianifica con attenzione le tue escursioni: informati su distanza, dislivelli, livello di difficoltà, condizioni del sentiero ed eventuali pericoli. Non perdere di vista le previsioni meteo. Verifica che tutti i membri del gruppo conoscano i numeri di telefono di emergenza del soccorso alpino locale.

Fai delle pause regolari per goderti il panorama, fare delle foto, chiacchierare con gli amici o fare uno spuntino. Bevi frequentemente per reintegrare i sali minerali e i liquidi persi durante il cammino e mangia qualcosa per mantenere alto il tuo livello di energia.

In caso di emergenza, mantieni la calma e contatta i soccorsi. Se ci sono feriti, non lasciarli da soli per andare a cercare aiuto, piuttosto cerca di farli uscire dalla zona di pericolo o attendi l’arrivo dei soccorsi.

Prima di partire, informa un conoscente o l’albergatore che ti ospita circa la tua escursione e comunicagli la tua destinazione, anche se indicativa, e per quanto tempo conti di restare fuori. In caso di emergenza, qualcuno saprà quando e dove cercarti.

App per smartphone: Anche durante l’inverno, porta sempre con te le app per l’escursionismo indicate in questo post, tra le quali Outdooractive* per la pianificazione del tuo itinerario, MeteoSwiss per la verifica delle condizioni meteo e l’app Rega per attivare i servizi di emergenza in caso di pericolo.

Rispetta la natura e la fauna selvatica

Durante l’inverno, la vita degli animali selvatici è messa a dura prova dalle basse temperature e dalla scarsità di cibo, che li costringe a ridurre al minimo il loro consumo di energie. Per questo motivo, è essenziale evitare di metterli in pericolo facendo il possibile per non spaventarli ed indurli ad una fuga repentina che costituirebbe, per loro, un enorme dispendio di energie vitali. Durante le tue escursioni, quindi, comportati con rispetto ed evita di disturbare la fauna selvatica rispettando queste quattro semplici regole suggerita dalla campagna “chi rispetta protegge”:
1. Rispetta le zone di tranquillità e i siti di protezione della fauna selvatica;
2. Nel bosco utilizza solo i sentieri e i percorsi segnalati;
3. Evita i margini boschivi e le superfici non innevate e lascia questi spazi al libero utilizzo della fauna selvatica;
4. Se hai un cane, tienilo al guinzaglio. Puoi trovare più informazioni sul sito della campagna a questo link.
Puoi trovare più informazioni sul sito della campagna a questo link.

* Nota pubblicitaria : questo articolo contiene links affiliati dai nostri partner. Attraverso le affiliazioni, ti offriamo la possibilità di accedere a promozioni e offerte, spesso in anteprima o in esclusiva, per l’acquisto di prodotti e servizi. Allo stesso tempo, se sceglierai di acquistare presso un nostro partner, supporterai il nostro blog che potrà, così, restare attivo. Le nostre opinioni sui prodotti consigliati e i nostri suggerimenti di acquisto non sono influenzati dalle partnerships. Se vuoi saperne di più sul modo in cui gestiamo la pubblicità su questo blog, puoi visitare questa pagina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Restiamo in contatto

Iscrivendoti alla nostra newsletter sarai informato sui nostri viaggi ed escursioni e riceverai i nostri consigli direttamente nella tua mailbox!

Non è abbastanza? Qui puoi scoprire altre 6 buone ragioni per iscriverti alla nostra newsletter!