Alla scoperta di Sciaffusa e delle cascate del Reno

Condividilo su:

Cover-schaffhausen-mobile

Alla scoperta di Sciaffusa e delle cascate del Reno

Condividilo su:

Disponibile anche in:

Posta nel nord-est della Svizzera, a pochi passi dal confine con la Germania, Sciaffusa ha saputo conservare nei secoli il suo cuore più antico che le conferisce, ancora oggi, un immenso fascino. Adorerete perdervi tra le vie del suo centro storico, seguendo l’itinerario che va alla scoperta degli edifici storici con le loro facciate elegantemente decorate e, talvolta, sfacciatamente colorate. Ma Sciaffusa è nota nel mondo anche per la presenza, a pochi passi dalla città, delle imponenti Cascate del Reno, che con i loro 150 metri di larghezza, si qualificano agevolmente come le cascate più ampie d’Europa. Ecco perché Sciaffusa è certamente una destinazione perfetta per un weekend in città o per una escursione di un giorno. Noi siamo stati qui in un fine settimana di metà aprile e in questo articolo vi diamo qualche consiglio utile per la vostra visita.

Sciaffusa

Cascate del Reno

A noi piace... Sciaffusa e le cascate del Reno!

Posta nel nord-est della Svizzera, a pochi passi dal confine con la Germania, Sciaffusa è certamente una delle città Svizzere più affascinanti. La città è perfetta per un weekend o per una escursione di un giorno, soprattutto durante la primavera e l’estate quando il verde che la circonda si fa intenso e le cascate del Reno sono più forti e spettacolari che mai. Nei secoli, la città ha saputo conservare il suo pregiato centro storico come poche altre grandi città hanno saputo fare, restaurando gli edifici storici e preservandone il loro fascino. Adorerete perdervi tra le vie del suo centro storico, seguendo l’itinerario che va alla scoperta degli edifici più interessanti e dei principali monumenti cittadini! Ma chi visita Sciaffusa non può esimersi dal visitare anche le vicine Cascate del Reno, che con i loro 150 metri di larghezza, si qualificano agevolmente come come le cascate più ampie d’Europa! Noi siamo stati qui durante un weekend di aprile, scegliendo di pernottare nel cuore della città, presso l’ Hotel Kronenhof*, a pochi passi dalla stazione dei treni e dal sentiero che conduce alle cascate. L’hotel, pulito e con un personale cortese e disponibile, ha anche un ottimo ristorante per la cena. Ve lo consigliamo assolutamente! E per una prima visita in città, ecco a voi i nostri consigli e i luoghi da non perdere!

Come arrivare

Arrivare con i mezzi pubblici

Stazione dei treni di Sciaffusa

arriving-train

Sciaffusa è facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici dalle principali città della Svizzera. Da Zurigo, la città è raggiungibile attraverso uno dei molti collegamenti ferroviari diretti. Il viaggio dura circa 40 minuti e se opterete per uno dei treni delle linee “S” potrete decidere di scendere direttamente in città oppure poco prima, in prossimità delle cascate, alla fermata Neuhausen Rheinfall. I viaggiatori provenienti dalle altre principali città svizzere dovranno invece preventivamente raggiungere Zurigo e da lì proseguire come indicato sopra. I biglietti dei treni possono essere acquistati attraverso il sito FFS o attraverso l’App FFS e, come sempre, suggeriamo di verificare in anticipo, attraverso lo stesso sito o app, gli orari aggiornati e le diverse opzioni di viaggio.

Arrivare in auto

Sciaffusa

arriving-car

Sciaffusa è facilmente raggiungibile dalle principali città della Svizzera anche in auto. Da Zurigo, la città è raggiungibile in circa 45 minuti seguendo la A4. Da Basilea, seguendo la A3 arriverete a Sciaffusa in circa un’ora e mezzo. Da Berna dovrete viaggiare per circa due ore lungo la A1. Infine, da Lugano il viaggio dura circa tre ore e quindici minuti procedendo dapprima sulla A2 e a seguire sulla A4 nei pressi di Zurigo. Per chi arriva in auto, la città offre molte opzioni di parcheggio a pagamento. A questo link (solo in tedesco) potrete trovare qualche informazione in più sui principali tre parcheggi cittadini.

La fortezza di Munot

La fortezza di Munot è il vero emblema di Sciaffusa e probabilmente la prima cosa che vedrete una volta arrivati qui. Dall’alto della sua rupe, l’edificio domina la città dal 1500, quando con l’adesione di Sciaffusa alla Confederazione e dopo la Riforma del 1529 si senti l’esigenza di rinforzare le fortificazioni cittadine. Ma la rocca non voleva essere soltanto una struttura difensiva, ma anche un edificio imponente e rappresentativo e, ancora oggi, essa affascina e colpisce i visitatori con la sua insolita forma circolare, l’alta torre e i due bracci di mura che da lei partono e si tuffano nella città. La fortezza è raggiungibile a piedi dal centro cittadino attraverso una lunga scalinata che si arrampica sul fianco della rupe, tra i vigneti. Una volta in cima, potrete visitare la casamatta con la sua possente volta e sbirciare il paesaggio circostante dalle strette fessure delle sue mura. A seguire, però, vi suggeriamo di percorrere la scala a chiocciola e salire fino al cortile della fortezza, dal quale si può osservare una meravigliosa vista sulla città e sul fiume. La fortezza di Munot è normalmente visitabile da maggio a settembre dalle 08 alle 20 e da ottobre ad aprile dalle 09 alle 17. Una curiosità: sapevi che il custode del Munot abita nella torre e, come da tradizione dal 1589, suona a mano la campana della fortezza ogni sera alle 21.00 per 5 minuti?

Il centro storico della città

Il centro storico della città è una vera chicca! Con i suoi edifici storici, le sue finestre a bovindo e le facciate dipinte, la città pedonale è certamente una delle più pittoresche della Svizzera. Per iniziare il vostro tour, vi suggeriamo di partire dal Centro di informazioni Turistiche, in Vordergasse 73. Qui potrete prendere una brochure come questa che vi aiuterà a seguire l’itinerario turistico del centro storico senza perdervi nessuna delle principali attrazioni. Dal Centro di informazioni Turistiche, l’itinerario prosegue per pochi metri sulla Oberstadt per poi tornare indietro a Fronwagplatz e proseguire lungo la Vorstadt quasi fino alla antica torre cittadina Schwabentor. Girovagando per le vie del centro, tornate sulla Vordergasse e, se non lo avete ancora fatto, dirigetevi verso la fortezza Munot per la visita. Infine, terminata la visita alla fortezza, dirigetevi verso il complesso del Münster (la cattedrale cittadina), uno dei pochi edifici religiosi romanici in Svizzera. Costruito a partire dal 1100, l’edificio storico è oggi assolutamente da non perdere e comprende al suo interno anche il più grande chiostro della Svizzera – costruito tra il XII e il XIII secolo – e il romantico giardino delle spezie.

Le Cascate del Reno

Poste a circa tre chilometri dal centro cittadino, le Cascate del Reno sono un must per chi visita la città per la prima volta. Con i loro 150 metri di ampiezza, si qualificano agevolmente come le più grandi cascate d’Europa! Dal centro della città, possono essere raggiunte facilmente in macchina, in treno o a piedi, attraverso una piacevole passeggiata di circa 5 km (10 se si include il percorso di ritorno) su un sentiero ben segnalato che corre lungo entrambi i lati del fiume. L’imponente massa d’acqua può essere osservata sia dal versante nord – dallo Schlössli Wörth – che dal versante sud – dallo Schloss Laufen. Mentre la riva nord è accessibile gratuitamente, per accedere alle piattaforme e all’ascensore panoramico della riva sud dovrete acquistare un ticket di ingresso di CHF 5,00 / adulto. Il ticket può essere preacquistato online su questo sito o, in alternativa, alle comode macchinette automatiche poste poco prima dei tornelli di ingresso. Prima della nostra visita, eravamo incerti sull’opportunità di acquistare i biglietti per le piattaforme panoramiche ma, con il senno del poi, ve ne suggeriamo l’acquisto perché – sebbene forse eccessivamente frequentate – è proprio da qui che ci si può davvero avvicinare all’acqua e apprezzarne la potenza. Il biglietto di ingresso consente inoltre di usufruire dell’ascensore panoramico che dalle cascate conduce allo Schloss Laufen, per una vista dall’alto e per visitare la breve esposizione che si trova all’interno del castello. Sia lo Schlössli Wörth che lo Schloss Laufen offrono molte opzioni di ristorazione e delle toilette pubbliche.

Le escursioni in barca alle cascate

Dallo Schlössli Wörth partono le escursioni in barca della compagnia di navigazione Werner Mändli che consentono di avvicinarsi parecchio alle cascate (e spesso di bagnarsi anche un po’!). Noi abbiamo scelto il “Felsenfahrt” con la linea gialla n. 1 (CHF 20,00 / adulto), che porta i visitatori al Mittelfelsen, uno sperone roccioso che si innalza proprio al centro delle cascate. L’imbarcazione vi lascerà qui per circa 20 minuti e potrete, salendo circa 100 ripidi gradini, raggiungere la piattaforma panoramica in cima alla roccia e ammirare una vista unica a 360 gradi sulle cascate del Reno. Va detto, tuttavia, che lo spazio sulla roccia, sulla scalinata e sulla piattaforma panoramica è davvero limitato e che l’imbarcazione viaggia normalmente a pieno carico. La visita, quindi, potrebbe risultare meno piacevole e più caotica di quanto atteso. Inoltre l’escursione è sconsigliata per coloro che hanno problemi di mobilità e per chi soffre di vertigini. In questi casi – o se semplicemente non amate la folla e gli spazi angusti – il suggerimento è di optare per un diverso tour tra quelli proposti a questo link*. Infine, se non intendete usufruire di una delle escursioni proposte ma intendete soltanto attraversare il fiume da nord a sud o viceversa, potrete prendere la linea rossa (CHF 5,00 / adulto).

Suggerimenti

1

Ogni sera, dopo il tramonto, le cascate del Reno sono impreziosite da una magnifica illuminazione notturna! Ma attenzione: le luci restano spente nelle sere di luna piena e in quella del giorno successivo.

2

Se intendete usufruire di una delle escursioni in barca alle cascate, vi suggeriamo di pre-acquistare i ticket online a questo link*! In questo modo salterete la fila al botteghino e potrete prendere posto direttamente al molo di imbarco.

3

Se state pensando di optare per il “Felsenfahrt” con la linea gialla n. 1, ecco a voi un consiglio utile! L’imbarcazione carica e scarica i passeggeri soltanto dalla prua: va da sé, quindi, che se riuscirete a prendere posto a prua potrete essere tra i primi a scendere e, di conseguenza, tra i primi a raggiungere la piattaforma panoramica sulla roccia!

4

State pianificando una visita a Sciaffusa o alle Cascate del reno e avete domande o dubbi? Lasciate un commento sotto e vi risponderemo nel più breve tempo possibile.

* Nota pubblicitaria : questo articolo contiene links affiliati dai nostri partner. Attraverso le affiliazioni, ti offriamo la possibilità di accedere a promozioni e offerte, spesso in anteprima o in esclusiva, per l’acquisto di prodotti e servizi. Allo stesso tempo, se sceglierai di acquistare presso un nostro partner, supporterai il nostro blog che potrà, così, restare attivo. Le nostre opinioni sui prodotti consigliati e i nostri suggerimenti di acquisto non sono influenzati dalle partnerships. Se vuoi saperne di più sul modo in cui gestiamo la pubblicità su questo blog, puoi visitare questa pagina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Restiamo in contatto

Iscrivendoti alla nostra newsletter sarai informato sui nostri viaggi ed escursioni e riceverai i nostri consigli direttamente nella tua mailbox!

Non è abbastanza? Qui puoi scoprire altre 6 buone ragioni per iscriverti alla nostra newsletter!