8 oggetti da portare nello zaino per una escursione in montagna

Condividilo su:

backpack-cover-mobile

8 oggetti da portare nello zaino per una escursione in montagna

Condividilo su:

Disponibile anche in:

Spesso si pensa che fare escursionismo significhi soltanto fare lunghe camminate nella natura circondati da panorami idilliaci. Questo è certamente vero, ma è solo una parte della verità. Camminare per lunghi periodi di tempo, in luoghi lontani dalla civiltà e talvolta isolati e difficilmente raggiungibili può esporre a qualche rischio. Una accurata e attenta preparazione è fondamentale per una escursione di successo. Ecco perché se ti stai avvicinando per la prima volta all’escursionismo o se sei un principiante, ecco per te la lista degli 8 oggetti che non puoi non mettere nello zaino prima della prossima escursione!

Come oramai saprete, viviamo l’escursionismo come una piacevole pausa dalla routine, un modo per riprenderci il nostro tempo insieme, rilassarci e stare in armonia con la natura. Ecco perché la preparazione di una escursione è per noi tanto importante: ci impegniamo al massimo per far sì che di ogni uscita restino soltanto bei ricordi e facciamo il possibile per limitare al minimo il rischio di imprevisti.
Dopo un’attenta scelta dell’itinerario, infatti, parte essenziale della preparazione di ogni escursione è certamente il decidere cosa mettere nello zaino e portare con sè, avendo cura di selezionare attentamente ciò che è indispensabile. Noi, dopo diversi tentativi e qualche errore più o meno grave, alla fine siamo riusciti a preparare la nostra checklist del perfetto escursionista. Ovviamente molto può dipendere dal tipo di percorso che si intende fare, dalla stagione e dalla durata dell’escursione, ma se ti stai avvicinando per la prima volta all’escursionismo o se sei un principiante, ecco la lista degli 8 oggetti che non puoi non avere con te nella prossima escursione!

App GPS per la consultazione delle mappe

In montagna è spesso difficile trovare dei chiari punti di riferimento ed orientarsi. Inoltre su alcuni tipi di sentieri, soprattutto se rocciosi, il percorso tracciato può talvolta risultare poco visibile, cosa che aumenta il rischio di smarrire la giusta strada e di perdersi. Ecco perché la prima cosa che assolutamente dovresti portare con te è una mappa escursionistica cartacea o, meglio ancora, la sua versione moderna: un’app per la consultazione delle mappe che abbia libero accesso alla tua posizione GPS. Noi usiamo Outdooractive*, ve ne abbiamo già parlato qui in un articolo dedicato alle sei app essenziali per l’escursionismo in Svizzera. Per noi è l’app perfetta sia nella fase di pianificazione e scelta dell’itinerario (ha un enorme archivio di percorsi liberamente consultabili), sia per orientarci durante una camminata nella natura. L’app può essere utilizzata gratuitamente, previa registrazione. La versione free garantisce l’accesso alle principali funzionalità, ma per gli utenti più esigenti sono naturalmente disponibili anche piani Premium. Se non sei certo di voler sottoscrivere un abbonamento, l’App consente di usufruire gratuitamente di un piano PRO o PRO+ per 30 giorni, con possibilità di cancellazione senza costi prima della scadenza. Da qui* è possibile scaricare l’app sia per iOS che per Android.

Acqua e barrette energetiche

Sapevi che durante una camminata di due ore un uomo può perdere fino a due litri di liquidi? Ovviamente si tratta di una stima e la quantità di acqua da reintegrare dopo una escursione può dipendere dal tipo di percorso, dalla temperatura esterna e da molti altri fattori. In genere, noi ci assicuriamo di partire con almeno un litro d’acqua ciascuno. Ad ogni modo il punto certo è: l’acqua è una risorsa fondamentale durante ogni escursione, soprattutto nel periodo estivo e quando il sole picchia forte. Accertati quindi di averne a sufficienza per tutta la durata del percorso, perché molti sentieri di montagna non offrono alcun punto di ristoro e probabilmente non sarai in grado di acquistarla sul posto. Durante il percorso, bevi pochi sorsi ma molto spesso, in modo da non esagerare e da mantenerti idratato fino all’arrivo. Consiglio green: non acquistare acqua in bottiglie di plastica! Compra delle buone borracce e se possibile riempile con acqua di rubinetto! Qui* trovi alcune proposte d’acquisto di buona qualità e a buon prezzo. Noi, comunque, vi suggeriamo di spendere un po’ di più per acquistare un modello termico*, così da poter portare con voi non soltanto acqua fresca, ma anche bevande calde durante una escursione invernale! In entrambi i casi, comunque, il pianeta te ne sarà grato 😉
Inoltre, assicurati di portare con te del cibo: non pensare soltanto al pranzo! Durante una lunga escursione, potresti aver necessità di recuperare le energie perse per poter proseguire. Porta quindi con te delle barrette energetiche da consumare a metà percorso, così da riprendere forze ed energia per arrivare alla fine dell’escursione e per mantenere un passo svelto e sicuro. Noi compriamo i nostri snack su questo shop online*. Un consiglio? A noi piacciono questa* e questa*! Provate ad indovinare a chi dei due piace quale! 😉

Crema solare e burro cacao per prevenire le scottature

Il sole in montagna picchia parecchio. Questo perché più si va in alto più l’atmosfera è rarefatta. Questo significa che i raggi ultravioletti sono meno filtrati e penetrano così nella nostra pelle con più forza.
Inoltre, ad alta quota le temperature sono solitamente più basse e tira spesso una lieve brezza che ci porta a percepire meno il calore. Così spesso ci accorgiamo di esserci scottati o di aver preso troppo sole soltanto quanto è oramai troppo tardi. Ecco perché nel tuo zaino non può assolutamente mancare una buona crema solare con alto fattore di protezione. Inoltre non dimenticarti di proteggere le labbra! Non se ne preoccupa quasi nessuno, ma se vuoi evitare quella fastidiosa sensazione di labbra secche, screpolate o secche ricordati di comprare un burrocacao idratante con protezione anti UV. Noi questa estate abbiamo comprato questo prodotto* e lo abbiamo trovato ottimo.

Occhiali da sole e cappello

Come detto sopra, proteggersi dalle scottature in montagna è fondamentale. Ed è altrettanto fondamentale proteggere la testa e gli occhi. Quindi ricorda di portare con te un cappello con visiera da indossare durante tutta la durata dell’escursione. Nella scelta, prediligi tessuti lavabili e traspiranti, in modo da sentirlo confortevole all’uso anche per lunghi periodi e da non ostacolare la sudorazione e la dispersione termica. Qui* troverai parecchia scelta per prodotti di buona qualità.
E per gli occhi? Anche gli occhi hanno bisogno di essere protetti da una prolungata esposizione al sole. La protezione diventa un must se nel percorso sono presenti nevischi o ghiacciai, che riflettono i raggi solari e moltiplicano i rischi. Scegli quindi occhiali comodi, di materiali leggeri e che coprano gli occhi integralmente. Per godere del massimo livello di protezione, scegli prodotti che riportino la dicitura UV400.

Bastoni da trekking

Spesso sottovalutati, i bastoni da trekking sono in realtà di grande aiuto su terreni sconnessi o su sentieri stretti ed esposti. Forniscono un appoggio aggiuntivo e migliorano l’equilibrio, prevenendo in questo modo cadute e scivolamenti. Più di una volta sono stati per noi un valido aiuto, consentendoci di scegliere percorsi che senza avremmo probabilmente evitato di fare. Per questo motivo assolutamente ve li consigliamo. Per gli escursionisti occasionali potrebbero essere sufficienti dei modelli base in alluminio, ma per gli appassionati più esigenti consigliamo un modello in carbonio, leggero e al contempo rigido. In commercio, inoltre, ne troverete a pezzo unico, telescopici a due pezzi e telescopici a tre pezzi.
Noi vi suggeriamo di scegliere un modello ad almeno due pezzi, più semplice da portare in giro e meno ingombrante da chiuso. Ovviamente accertatevi che la chiusura telescopica sia di qualità e che non sia a rischio di rottura o chiusura involontaria! Qui* ne troverai di ottimi.

Coltellino svizzero

E’ una vera icona svizzera, quindi andare in montagna in Svizzera senza metterne uno nello zaino non è davvero possibile! Il mitico coltellino svizzero Victorinox ha una storia assai antica. Nasce alla fine dell’ottocento come strumento multifunzione dell’esercito. Da allora, però, di strada ne ha fatta davvero tanta e oggi i modelli più evoluti arrivano persino ad offrire oltre 15 strumenti, tutti abilmente nascosti dentro un manico rosso fuoco. Averne uno con te durante una escursione può rivelarsi una vera benedizione, sia per le necessità pratica che in caso di emergenza.

Batteria d’emergenza

Cosa c’è di più bello che condividere con i nostri cari le meraviglie dei posti che visitiamo durante un’escursione? E per farlo scattiamo, con i nostri smartphone, una serie infinita di fotografie che poi inviamo attraverso i vari strumenti di messaggistica o carichiamo sui soliti social network. Il risultato di tutto questo, oltre ovviamente alla gioia della condivisione, è che spesso e volentieri ci ritroviamo a metà percorso con la batteria del cellulare scarica e lo schermo completamente nero. In montagna però il cellulare è spesso l’unico mezzo di contatto con la civiltà e, contestualmente, l’unico strumento che può davvero contribuire a salvarci la vita in caso di pericolo. Quindi no, restare senza batteria non è per niente una buona idea! Ecco perché tra le otto cose da mettere nello zaino prima di ogni escursione mettiamo convintamente una power bank! Ne puoi trovare di ottime su amazon* a buon prezzo!

Kit di primo soccorso

Oramai lo abbiamo capito, la montagna può essere pericolosa qualche volta. E non pensiamo soltanto al rischio di scivolamento o caduta, che possono avere davvero conseguenze serie, ma anche a più banali situazioni di difficoltà quali piccole ferite, sbucciature o punture di insetti. Sia nel primo caso che nei secondi, portare con sé un kit di pronto soccorso può davvero fare la differenza. Poter disinfettare e medicare una ferita aperta ti permetterà di proseguire l’escursione senza troppe preoccupazioni, così come poter prestare il primo soccorso ad una persona ferita o in difficoltà sarà certamente per lui un grande aiuto.
Su Bergzeit* ne troverai moltissimi, alcuni forse troppo essenziali. Noi vi consigliamo di scegliere un modello che contenga anche una piccola coperta termica, utile per tenere al caldo una persona in difficoltà fino all’arrivo dei mezzi di emergenza.

Ecco, adesso anche voi avete la vostra checklist e siete quindi pronti per la prima escursione! Che ne pensate? C’è qualcosa che vorreste aggiungere a questa lista? Di cosa pensate di non poter davvero fare a meno e cosa invece secondo voi è superfluo?
Fatecelo sapere lasciando un commento nel box sotto!

* Nota pubblicitaria : questo articolo contiene links affiliati dai nostri partner. Attraverso le affiliazioni, ti offriamo la possibilità di accedere a promozioni e offerte, spesso in anteprima o in esclusiva, per l’acquisto di prodotti e servizi. Allo stesso tempo, se sceglierai di acquistare presso un nostro partner, supporterai il nostro blog che potrà, così, restare attivo. Le nostre opinioni sui prodotti consigliati e i nostri suggerimenti di acquisto non sono influenzati dalle partnerships. Se vuoi saperne di più sul modo in cui gestiamo la pubblicità su questo blog, puoi visitare questa pagina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Restiamo in contatto

Iscrivendoti alla nostra newsletter sarai informato sui nostri viaggi ed escursioni e riceverai i nostri consigli direttamente nella tua mailbox!

Non è abbastanza? Qui puoi scoprire altre 6 buone ragioni per iscriverti alla nostra newsletter!